Gota Dam: il residence sulla diga

Dalla Falling Water House al Gota Dam Residence

Oggi vi presentiamo un progetto che trae ispirazione dalla celebre Falling Water House. Come la casa sulla cascata realizzata dal celbere architetto Wright, anche il Gota Dam Residence è costruito su una grande roccia immersa nel verde.

Gota Dam Residence

Gota Dam, che occupa una superficie di 1500 mq, si trova in cima ad una roccia di granito e si affaccia su una maestosa diga artificiale. Lo Studio Seilern Architects, in collaborazione con l’architetto Muzia Sforza, è l’autore di questo progetto del 2012.

Il residence si compone di 3 elementi fondamentali: 2 blocchi di granito, che racchiudono la zona dedicata alle camere da letto, una piattaforma in legno di grandi dimensioni e un tetto a sbalzo che incorniciano gli spazi esterni nel cui centro è stato piantato un albero.

E infine, due grandi “scatole” in vetro che si estendono tra il ponte e il tetto, e che dividono la zona giorno, al piano superiore, dalla master suite, al piano inferiore.

gota-dam-residence_001-970x647-c

gota-dam-residence_003-970x647-c

gota-dam-residence_006-970x647-c

Ci piace perché

Tutti gli elementi sono orientati in modo da creare adiacenze fisiche, ma anche privacy visiva. Il granito utilizzato per rivestire i due blocchi di ancoraggio proviene dal sito in cui la casa si trova, non solo per una semplice questione logistica, ma soprattutto per ottenere un effetto armonioso tra ambiente circostante e elementi della villa. Tutti i materiali utilizzati sono di provenienza locale, fatta eccezione per gli articoli specializzati quali il vetro e gli elementi di impermeabilizzazione del tetto.

Fun fact

Al piano inferiore del Gota Dam Residence, scavata nel gratino, si trova una piccola piscina che si fonde visivamente con il bacino artificiale sottostante. Una prospettiva davvero unica, non trovate?

gota-dam-residence_009-970x647-c

gota-dam-residence_0029-970x647-c

5 Stelle consiglia

I tetti e le terrazze allungate danno un aspetto delicato alla struttura che sembra fluttuare sopra la roccia, ma non solo. Servono anche e soprattutto a proteggere le grandi vetrate dai caldi raggi solari africani. Nella realizzazione di un progetto è sempre bene considerare sia l’aspetto estetico, ma anche quello più pratico.

 

Secondo voi il Residence Gota Dam rende il giusto tributo alla Falling Water House? Raccontatecelo sui nostri social!

Facebook

Instagram

Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *